Doverosa citazione…

 
…tornare a casa ti fa venire voglia di riprendere in mano un po’ di cose interrotte…stasera ho riaperto il blog su Bovalino dei miei amici e ho avuto modo di aggiornarmi un po’ su tante notizie che di solito la stampa "nazionale" nn da, e se le da lo fa con un po’ troppo poca attenzione…per nn far veramente capire quel che sta succedendo…Girando tra i post ho trovato questo che è davvero interessante, ve lo giro volentieri…
il link del blog è : www.vocelibera.ilcannocchiale.it visitatelo!
 

Bi-Sogni Modifica questo articolo
Elimina questo articolo

ho girato tutta la rete x cercare una buona notizia in calabria…..

io caro "amico democratico" ce la metto tutta, ma non ce nè stanno di buone notizie….si, si ok….possiamo dire quello che ci pare sulla bellezza imparagonabile di sto posto, però io scrivo bovalino su news di google e mi esce una disgrazia dopo l’altra…..scrivo locride e mi esce il paladino Pecora che ormai non se lo caga più nessuno e che ancora crede che con il comunicatello stampa del cazzo e la manifestazione con la rituale frase di rito detta dallo sfortunato Impastato o Falcone o Borsellino di turno possa di chè scalfire la Mafia, ma ormai l’hanno capito tutti che faccendiere che è…(e se leggi querelami pure, tanto ormai vai avanti con queste tristi pagine sui giornali), scrivo Calabria e mi esce Loiero….ma dimmi su GOOGLE k cazzo devo scrivere per trovare una buona notizia su sta mia terra???

Oggi posto un bel sogno apparso su Calabria Ora di qualche giorno fa di un mio caro amico cauloniese….

"Non sogno molto spesso o forse sogno ma poi, al risveglio, dimentico tutto.
Stranamente ricordo alla perfezione il sogno di stanotte.
Ho sognato di scrivere per CalabriaOra, uno dei quotidiani della regione Calabria.
Nella visione il direttore di questo quotidiano, un tizio alto col papillon, mi assegnava un compito: descrivere la Calabria.
Io partivo col mio pandino amaranto e giravo la regione in lungo e in largo, ascoltavo storie, leggevo i quotidiani, cercavo di capire in ogni modo la realtà che mi circondava.
Il sogno prendeva quasi subito una piega assurda. Pensate che nel mondo onirico prodotto dalla mia mente il Consiglio Regionale della Calabria era pieno, ma proprio pieno pieno, di gente che aveva problemi con la giustizia. Cose che possono accadere solo nei sogni…
Un Assessore alla Sanità, come in un film dell’orrore, denunciava la presenza di molti assistiti fantasma a spese del sistema sanitario. Come conseguenza ogni Asl doveva assumere almeno una squadra di ghostbusters per imprigionare i fantasmi. Poi tutto si rivelava una bufala…
C’erano anche dei ragazzi paladini dell’antimafia che chiamavano il Presidente del Consiglio Regionale “Don Peppe” e scrivevano su internet che il “Don” in questione inviava “pizzini”.
C’era il Presidente del Consiglio Regionale che si difendeva dalle accuse denunciando i paladini dell’antimafia.
E intanto c’era la mafia che se la rideva.
E questo è niente.
C’erano precari esasperati che protestavano e venivano caricati dalla polizia.
Il Presidente della Calabria, ad un certo punto del sogno, abbandonava il partito floreale che lo aveva eletto e fondava un partito tutto suo col quale si presentava alle elezioni politiche e che cercava, dalla sua posizione di forza, di rafforzare alla faccia del suo partito originario. Il Presidente era a capo di una coalizione che anziché pensare ai problemi della Regione che governava continuava ad azzuffarsi per la scelta dei direttori generali e per posti di potere.
Non ricordo che nel sogno ci fosse un’opposizione al Presidente al di fuori di quella interna, praticamente nessuno criticava i potenti.
Ricordo anche tantissimi articoli di giornale nei quali molta gente esprimeva solidarietà ad altra gente, solitamente si trattava di amministratori locali, che ricevevano intimidazioni dalla criminalità organizzata, chiamata ‘ndrangheta. In uno di quei strani momenti di lucidità che a volte capitano mentre si sogna, ricordo che pensai che molti di coloro che esprimevano solidarietà erano gli stessi che inviavano le minacce.
Ma anche questo è niente.
Pensate che i giornali raccontavano la storia di una ragazza che per una semplice operazione di appendicite si ritrovava addirittura in coma.
C’erano anche neonati che morivano in ambulanze.
C’erano navi che si scontravano inspiegabilmente in mare uccidendo delle persone e ferendone altre.
C’erano giudici che venivano processati da altri giudici perché erano accusati di corruzione in atti giudiziari, falso e truffa aggravata ai danni dello Stato.
C’era un territorio bellissimo che era stato e continuava ad essere devastato dagli speculatori. C’erano anche, per fortuna, proposte legislative che tentavano di tutelare le coste calabresi prese d’assalto dalla speculazione edilizia. Però, purtroppo, il Consiglio Regionale carico di inquisiti le rigettava senza battere ciglio.
Insomma, il sogno si era tramutato in un incubo terribile.
Poi la notte ha ceduto il posto alla luce della mattina che ha sciolto il sonno e finalmente mi sono svegliato…

Giovanni Maiolo"

Ruggio

Annunci

Informazioni su Tittypssc

"Padrona di niente, schiava di nessuno"
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Doverosa citazione…

  1. furiaceka ha detto:

    mi fa molto piacere k tu ci segua con attenzione….!6 sempre la benvenuta su vocelibera!Buone cose!Ruggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...